La saga di Harry Potter torna al cinema dopo 20 anni e la lobby lgbt attacca J.K. Rowling

Devono essere davvero molto ricchi e potenti questi tizi della lobby lgbt per riuscire a rompere il CI anche all’autrice di Harry Potter

La saga di Harry Potter torna al cinema dopo 20 anni e la lobby lgbt attacca J.K. Rowling
La notizia, accolta con entusiasmo dai milioni di fan italiani, ha scatenato gli haters, che attaccano l’autrice J.K. Rowling rea di essere diventata miliardaria grazie alla saga del maghetto di Hogwarts (è la seconda persona più ricca d’Inghilterra dopo la regina Elisabetta), ma anche e soprattutto per le sue dichiarazioni divisive sulla comunità Lgbt. ‘Non voglio più supportare in alcun modo un’autrice che utilizza i suoi guadagni e il suo potere mediatico per sostenere cause transfobiche’, scrive uno dei tanti internauti. ‘Andando al cinema farete guadagnare altri soldi a quella transfobica!’, rincara un altro. Un dibattito quantomai attuale anche in Italia, dove la settimana scorsa è andato in scena in Parlamento lo scontro sul ddl Zan“. Articolo Today.

Alla fine si mostrano per quello che sono, gente con problemi esistenziali che attaccano chiunque per non pensare alla loro vita di EMME.

Io guarderò sempre i film di Harry Potter. E il fatto che l’autrice abbia detto quelle cose sono un motivo in più per me per guardare la bellissima saga di Harry Potter.

Scrivi un commento

Utilizza un e-mail valida altrimenti il tuo commento non sarà pubblicato.