Si può guadagnare con un blog?

Voglio guadagnare con un blog! Voglio lavorare da casa! Voglio guadagnare con la pubblicità! Si può? Ecco come fare

Voglio guadagnare con un blog

Se fai una ricerca su Google, oltre al mio articolo, troverai gli articoli di chi elenca i classici modi per guadagnare con un blog. Anche se, in realtà, tutti quei blog, hanno il fine ultimo di guadagnare sulla tua visita.

Attirare l’attenzione

Quindi, il primo modo per guadagnare con un blog è attirare la tua attenzione.

In che modo? Scrivendo il titolo azzeccato che spinga il tuo istinto a cliccare per saperne di più.

Sei alla disperata ricerca di un modo per guadagnare?

Non riesci a monetizzare col tuo blog e vuoi saperne di più? Qui trovi la soluzione

Ecco l’esperienza di 10 blogger italiani che guadagnano con il loro blog

ecc. ecc..

Conquistare la fiducia

Il contenuto giusto è fondamentale per guadagnare col blog.

Devi incuriosire chi legge, conquistare la fiducia del tuo lettore (tornerà a leggerti e suggerirà i tuoi articoli), spingere le persone a compiere delle azioni (farà click su altri articoli, sulla pubblicità, o acquisterà il tuo ebook).

SEO e Campagna pubblicitaria

Per guadagnare con un blog devi o lavorare sulla SEO, o investire soldi nella pubblicità, o fare entrambe le cose.

Cos’è la SEO? Consiste nel compiere una serie di azioni che spingono i tuoi articoli a salire la Serp (cioè, di posizione nei risultati dei motori di ricerca).

Quali sono queste azioni da compiere?

Devi usare le parole che gli utenti cercano quando effettuano una ricerca su Google. Se una persona cerca “come guadagnare con un blog“, dovrai far capire a Google che stai parlando di questo argomento. Come? Scrivendo nel titolo e nel testo questa frase, e frasi correlate, all’interno di un contenuto che sia utile a chi ti legge.

Potrebbe già bastare questo, ma per avere maggiori garanzie di salire di posizione, e farlo anche piuttosto velocemente, dobbiamo fare in modo che l’articolo sia linkato su altri siti e condiviso sui social. Alcuni siti danno più spinta di altri, perché sono a tema col tuo articolo e perché hanno tanti visitatori.

La SEO è tutta qui. Ovviamente, devi essere bravo a scrivere, bravo a piazzare le parole giuste nel testo, scrivere qualcosa di utile in modo da essere linkato da altri, bravo a trovare le parole giuste con gli strumenti giusti, e evitare di parlare di qualcosa di cui hanno già parlato in 10 mila (cioè, devi trovare parole che non siano molto competitive, almeno all’inizio, ma se sei bravo, e hai la possibilità di investire, puoi fregartene della competitivà e usare le parole da un milione di visite al mese che hanno l’1% di probabilità di comparire su Google).

Se non sei bravo con la SEO o se vuoi posizionarti rapidamente su Google, puoi usare il posizionamento a pagamento. Cioè, spendere dei soldi acquistando delle parole. Quando un utente farà una ricerca utilizzando una di queste parole troverà il tuo sito in prima pagina, in prima posizione. Anche sui social è possibile acquistare visiblità. Ad esempio su Facebook. Crei un inserzione pubblicitaria in cui segnali la tua pagina (per aumentare i follower), un tuo post (per aumentare le interazioni), il tuo sito.

Ti prometto che scriverò degli articoli più dettagliati in cui spiegherò per bene, ma senza paroloni, come scrivere un articolo in ottica SEO e in che modo si crea una campagna pubblicitaria su Google e su Facebook. Ogni tanto torna a visitare i miei articoli e sicuramente troverai anche questi due post.

Sistemi per guadagnare

Ora, però, dirai: ok, mi hai detto che devo scrivere bene, che devo lavorare sulla SEO, che posso spendere soldi per acquisire notiorietà, ma quali sono i sistemi per guadagnare con un blog?

Risposta: sicuramente prima del mio hai letto altri siti e blog. Tutti più o meno dicono la stessa cosa. Solo che ognuno, ovviamente, usa un linguaggio diverso per attirare l’attenzione, ma il succo è sempre lo stesso.

Guadagnare con i click

Il sistema più famoso è quello ideato da Google AdSense. Permette di inserire un codice in varie posizioni del tuo blog. Questo codice si trasforma in un banner. Ogni volta che un utente clicca su quel banner tu guadagni dei soldi. I guadagni oscillano da pochi centesimi a qualche euro. Dipende dall’argomento di cui tratti e da quanto sono disposti ad investire gli inserzionisti sul tuo blog. Esistono anche altre piattaforme che funzionano allo stesso modo di Google AdSense, basta fare una ricerca. Se hai letto che non vale la pena usare questo sistema, ti assicuro che è una stupiggine. Sono migliaia i proprietari di siti che vivono sfruttando questo tipo di pubblicità.

Guadagnare con le visualizzazioni

Se il tuo blog ha molte visite, esiste anche la variante del guadagnare sulle visualizzazioni. Cioè, non è necessario che l’utente faccia click sul banner, ma è sufficiente che quando visita il tuo blog gli appaia il banner. La semplice visualizzazione genererà un guadagno. Guadagno che sarà minore rispetto al click, per questo motivo servono tante visite.

Affiliazione

Il sistema per guadagnare con le affiliazioni più famoso è quello ideato da Amazon. Puoi vendere prodotti di altre aziende e guadagnare una commissione. Scrivi un post in cui parli del prodotto che vuoi vendere ed inserisci un link. Se l’utente fa click sul link e acquista il prodotto, tu guadagni una commissione. Il guadagno dipende dalla piattaforma di affiliazione e anche dal prodotto. La percentuale su una penna è diversa dalla percentuale su una ferrari. Ma di ferrari se ne vendono poche e di penne tante.

Accordi con aziende

Puoi offrire alle aziende degli spazi all’interno del tuo blog in cui ospitare banner e generare un guadagno fisso mensile. Quindi, senza utilizzare le piattaforme come Google AdSense.

Un tuo prodotto o servizio

Puoi scrivere un ebook su un argomento di cui sei esperto, oppure creare una video guida, un corso online, la tua consulenza o offrire i tuoi servizi (parrucchiere, idraulico, addestratore di cani, web designer, ecc.)

Brand

Puoi vendere te stesso, o meglio le tue doti, raccontando cosa sai fare, elencando le cose che hai fatto, facendoti pubblicità sui social come Instagram, Youtube e Facebook, diventando un influencer.

Scrivi un commento

Utilizza un e-mail valida altrimenti il tuo commento non sarà pubblicato.