Faccio parte del partito dell’astensionismo

Ho votato solo 2 volte in vita mia, poi ho capito che i concetti di destra e sinistra sono inutili e dannosi

Faccio parte del partito dell'astensionismo
Attualmente le regioni governate dal centro destra sono 15. Sono solo 5 quelle governate dal centro sinistra.

Nelle regionali del 2020 il M5s è praticamente sparito. Probabilmente è il motivo che li ha spinti a convertirsi a partito di sinistra, tradendo gli ideali per i quali sono stati votati.

Non siamo né di destra, né di sinistra” e si sono schierati a sinistra per non sparire.

Una vale uno“, e le decisioni importanti le prende Grillo, che ha scelto Conte come capo politico (non votato).

Via la vecchia politica“, e hanno fatto alleanze con tutti.

Mettiamo persone competenti“, e hanno messo Di Maio prima come ministro del Lavoro e poi agli Esteri.

Che fa il PD?

Spinge sullo ius soli non perché giusto, ma perché vuole i voti dei figli degli immigrati nati in Italia. Spinge sulla parità di genere non perché giusta, ma perché vuole pescare lì. Si è parlato pure del voto ai 16enni. Già sono idioti gli adulti, figuriamoci i 16enni che ogni sera escono in tv al tg perché si assembrano con tanti babbuini.

Che fa la Lega?

Pesca dove prima pescava la sinistra, cioè sui lavoratori. La Lega è votata da tantissimi piccoli imprenditori e da tantissimi operai. Inoltre, insieme a Forza Italia, pesca tra i pensionati (che di norma sono conservatori).

Che fa Fratelli D’Italia?

Secondo più o meno tutti i sondaggi, il partito (abbastanza a destra) sta crescendo tantissimo. Proprio perché esistono tantissime persone che rifiutano categoricamente le idee progressiste. Per loro sono il male. Basta leggere le opinioni dell’elettore medio di Fratelli D’Italia (che non si sa se mettersi a ridere o a piangere).

Infine, c’è il primo partito d’Italia che si chiama astensionismo (arrivato al 41%). Io sono in questo partito da moltissimi anni.

Questione regionale

Ritornando alle regioni, siccome 15 sono governate dal centro destra, per associazione l’Italia attualmente è un Paese conservatore. Però, poi, c’è l’anomalia del governo a vocazione progressista che spinge su temi che, per i dati citati, non dovrebbero fregare nulla alla maggioranza della gente.

La situazione dei media in Italia

Escludendo i media controllati da Berlusconi, il resto dei media sono a vocazione progressista. Quindi, c’è un bombardamento quotidiano (su social e tv) su alcuni temi per fare il lavaggio del cervello all’opinione pubblica. Cioè, ci si lamenta di Pio e Amedeo, ma se due comici hanno sentito l’esigenza di fare una puntata dedicata ai termini che non si possono dire, è perché quotidianamente, in tutte le trasmissioni Rai (e non solo), ci sono messaggi che vanno da tutt’altra parte.

Ogni giorno, su ogni trasmissione tv, ci trovi a turno Cecchi Paone (gay) e Luxuria (trans), il modo di parlare dei conduttori maschi è effeminato, gli argomenti sono spesso nel valorizzare le donne e denigrare gli uomini e nelle pubblicità, spesso, ci si trovi la faccina di colore. Come se in Italia la popolazione fosse composta da gay, trans e persone di colore. In realtà sono una minoranza e come tale dovrebbero essere rappresentate, altrimenti è una distorsione della realtà allo scopo di fare propaganda. E questi non sono idee omofobe o razziste. Sono idee di una persona con qualche neurone che funziona meglio di quelli degli altri. Subisco discriminazioni da sempre per i miei problemi che mi porto da dietro da tutta la vita, e i miei amici sono tali indipendentemente dal colore della pelle, se sono credenti o atei, e dall’orientamento sessuale.

Ricordo che l’Italia è al 41esimo posto per libertà di informazione. Lo stato africano del Burkina Faso è più libero dell’Italia. Se vado in Burkina Faso ho un’informazione più libera di quella italiana.

Questo non riguarda solo i giornalisti che vivono sotto scorta perché minacciati di morte, ma soprattutto i giornalisti pagati per diffondere bugie, l’ideologie dei vari media che fanno uscire la stessa notizia in 800 modi diversi, e i finanziatori occulti dei media più importanti che controllano cosa deve uscire e in che modo.

Detto ciò, prima di dire la prima cosa che vi passa per la testa perché l’ha detta Fedez, o perché l’avete letta su Facebook, o sui due o tre media che seguite abitualmente, leggete e ascoltate tutte le campane, anche quelle anni luce dalla vostra. E’ l’unico modo per farvi una vera opinione.

Scrivi un commento

Utilizza un e-mail valida altrimenti il tuo commento non sarà pubblicato.