I mixer Behringer sono i migliori per rapporto qualità/prezzo/prestazioni

mixer Behringer
Se hai trovato questo articolo è perché hai in mente di acquistare un mixer e vuoi saperne di più. Allora, la prima cosa che devi sapere è che sono tanti i brand che producono mixer, e sono tanti i modelli e le caratteristiche che ogni dispositivo offre.

Analogico o Digitale?

Esistono mixer analogici e mixer digitali. Nonostante mi reputi uno fissato con la tecnologia, credo che in alcuni casi sia meglio la soluzione non tecnologica o non eccessivamente tecnologica.

Faccio un po’ di esempi

Se dovessi scegliere tra un tablet e un quaderno con testi e accordi, sceglierei senza dubbio il quaderno. Sì, bisogna girare pagina e cercare la canzone, invece il tablet è più immediato. Ma il tablet potrebbe bloccarsi o scaricarsi. Il quaderno no.

Se dovessi scegliere tra un pedale singolo e un multieffetto sceglierei il primo. Il motivo è semplice. Anche se avere più pedalini comporta un ingombro maggiore, una spesa maggiore e un peso maggiore da portarsi dietro, agire in un attimo sulle manopole per regolare i singoli parametri dell’effetto, durante un live, è importatissimo. Sarebbe impossibile fare una modifica istantanea durante il live usando il multi effetto (bisognerebbe entrare nel menu e cose del genere). Inoltre, se si rompe il singolo pedalino ne puoi comprare un altro, costerà sicuramente meno del multi effetto e potrai continuare ad utilizzare tutti gli altri pedalini. Se si rompe il multieffetto sei fregato.

Il mixer digitale (quello in cui per usarlo ci vuole anche il tablet) potrebbe bloccarsi. Potrebbero accadere mille imprevisti. Col mixer analogico no. Inoltre, fare una modifica istantanea in un live se si usa un mixer digitale è difficile. Invece, farla col mixer analogico è molto semplice, sempre per il discorso delle manopoline a portata di mano.

Mixer Berhinger

I mixer Berhinger hanno più possibilità di personalizzazione del suono di qualsiasi altro mixer di pari prezzo, ma anche di mixer di prezzo superiore. Sono nate marche che tentano di imitare le caratteristiche di questo brand, ma conviene sempre affidarsi all’originale. Anche per una questione di garanzia.

Esempi

I mixer Berhinger hanno la funzione della compressione (è molto importante). Nessun mixer di altre marche di pari prezzo ha la compressione tra le opzioni. Nemmeno molti mixer che costano il doppio o anche il triplo.

Modelli di mixer Berhinger hanno integrati gli effetti di ambiente. Per trovarli in altre marche bisogna spendere molto di più.

Dei mixer Berhinger, essendono “economici“, ci si preoccupa meno di portarli in giro, di farli toccare da altre persone, o di possibili danneggiamenti.

Scelta del modello di mixer

La scelta del modello di mixer da acquistare dipende dalle tue esigenze. Io ho acquistato il mixer Behringer Xenyx X1204 USB perché ha tutto quello che serve alle mie esigenze.

  • E’ abbastanza compatto da poter essere riposto in un borsone insieme ad altra roba.
  • Ha sufficienti canali da consentire a più persone di collegare il proprio strumento (4 canali XRL + 2 canali jack stereo).
  • Sui 4 canali XRL è presente il compressore.
  • Ogni canale ha la possibilità di attivare il “mute“, il preascolto per verifiche sui picchi, e regolare singolarmente il volume di monitoraggio (cioè, quello che entra nelle cuffie o che esce dalla cassa monitor).
  • Ha tantissimi effetti di ambiente.
  • Ha una scheda audio che permette registrare le proprie performance.
  • Il prezzo oscilla tra i 120-150 euro. Dipende da dove lo acquistiamo e dalle offerte del momento.

Al prezzo a cui è proposto, nessun mixer ha le stesse caratteristiche. Per avere le stesse caratteristiche bisogna salire di molto col prezzo, ma anche in quel caso anche i modelli più costosi di altre marche non avranno le stesse potenzialità. Ad esempio, i compressori sono caratteristiche di poche marche.

L’unica cosa che manca a questo mixer Behringer è un’equalizzazione con maggiori possibilità di personalizzazione.

Infatti, nel mio modello è possibile regolare le frequenze alte, medie e basse. Invece, in modelli di altre marche è possibile regolare le frequenze medio alte o andare ancora più nel dettaglio. Ma a questi modelli, però, mancano alcune caratteristiche presenti nei modelli Berhinger (il compressore e gli effetti di ambiente). Ad esempio: Soundcraft EPM8.

C’è, però, da dire che con gli strumenti giusti non è necessario avere un mixer con tante regolazioni.

Infatti, nel caso della voce, un buon microfono non ha bisogno di nessuna regolazione. Per cantare ho due microfoni: uno della AKG (D88S) e uno della Sennheiser (E825S). Quello dell’AKG ha i bassi molto più carichi e bisogna settare sul mixer attenuandoli o esaltando medi e alti. Il microfono della Sennheiser non ha bisogno di nessuna regolazione.

Se si suona uno strumento a corde, tipo la chitarra, è meglio utilizzare un pedale equalizzatore.

Scrivi un commento

Utilizza un e-mail valida altrimenti il tuo commento non sarà pubblicato.