Articolo in evidenza

Euro sì o euro no? Europa sì o Europa No? Legge elettorale sì o no?

scritto da arquen il 10 ottobre 2014 | 399 letture

urlForse gli esponenti della Lega non riescono a trovare un lavoro normale e allora per paura di sparire dalla scena politica cercano in tutti i modi di raccattare voti, sfruttando il populismo del “no euro” che influenza chi non ha la minima idea di come funziona l’economia e quelle persone (tante purtroppo) con problemi economici e quindi facilmente influenzabili. Però, almeno provate a fare degli esempi concreti sui vantaggi reali che i cittadini avrebbero ritornando alla lira.

Io lavoro per delle multinazionali che pagano in euro. Se in Italia si tornasse alla lira mi pagherebbero in lire. Quindi, invece di 1 euro mi darebbero mille lire. Cioè, guadagnerei poco più della metà di quanto guadagno ora.

L’80% dei miei acquisti li faccio online su siti stranieri. Se in Italia ritornasse la lira i miei acquisti costerebbero il doppio.

Ho fatto due esempi che mi riguardano personalmente, però se ne potrebbero fare tanti altri.

Tutte le materie prime, e non solo, che acquistiamo all’estero, costerebbero il doppio. Noi italiani non esportiamo materie prime, ma idee e prodotti realizzati dopo aver acquistato materie prime. Se non abbiamo soldi per acquistare le materie prime, non possiamo esportare nulla.
Noi italiani facciamo bene la pasta. Se non abbiamo i soldi per comprare la benzina, come si muovono i trattori? Con le stronzate dei politici?

Io non penso che il M5S voglia uscire dall’UE. Non penso che voglia ritornare alla lira. il M5S vuole solo dare più responsabilità ai cittadini quando le decisioni da prendere sono molto importanti.

In Italia usiamo l’euro? Chi lo ha deciso? I cittadini italiani? No. Quindi, è giusto che i cittadini italiani si prendano la responsabilità di una scelta importante per il proprio futuro e il futuro delle generazioni future. Così per tutte quelle questioni che sono molto importanti.

Un altro esempio è la legge elettorale. La legge elettorale è una scelta che spetta ai cittadini. Non devono deciderla i capi di partito.

Primo, perché anche se decidessero i capi di tutti i partiti, questi partiti non raggiungono nemmeno la metà della rappresentanza nazionale.

Secondo, perché lo hanno deciso solo due capi partiti, di cui il primo è un… (chi viene condannato in via definitiva con sentenza passata in giudicato è un delinquente?) e l’altro non è stato eletto come parlamentare.

Terzo, perché la Corte Costituzionale ha detto che la legge elettorale attuale è incostituzionale, quindi tutte le persone che siedono in Parlamento e al Senato dovrebbero avere l’onestà di dimettersi. Se un giudice stabilisce che una cosa è illegale e tu ne fai uso stai commettendo un reato. Noi abbiamo un Parlamento e un Senato illegali e vale per tutti, esponenti del M5S compresi.

Come può uno Stato, i cui massimi esponenti ne sono a capo grazie ad una legge illegale, riuscire ad essere credibile nel far rispettare la legge?

Articoli correlati

Ed oggi ha fine la Seconda Repubblica
Il Partito dei Pirati: ora siamo al completo...
ICI (IMU) e Chiesa: Vauro (prima parte)
Libertà di espressione: cos'è e perché difenderla?
Segui i commenti tramite Feed RSS 2.0 oppure fai un trackback.

Scrivi un commento

Utilizza un e-mail valida altrimenti il tuo commento non sarà pubblicato.


I video spot più cliccati del Web:

  • Arquen


  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video



  • Spazio video